All'interno

 Quale aria respiriamo
a Lugano?
Oggi (visualizza)
Ultimo mese (visualizza)

Giorni superamento limite PM10 da inizio anno: 2

Valore maggiore rilevato per le PM10: 63 μg/m3 (limite 50) il 14 marzo

Giorni superamento limite ozono da inizio anno: 66

Valore maggiore rilevato per l'ozono: 264 μg/m3 (limite 120) il 9 maggio

Numero di giorni in cui si sono superati sia il limite per l'ozono che per le PM10:0

 Ecosportello

L’Ecosportello risponde alle vostre domande su temi quali: mobilità sostenibile, ecoprodotti, ecolabel e certificazioni ambientali, agenda 21 ed altre questioni legate allo sviluppo sostenibile.


» La riscoperta della mobilità lenta    

Non inquina. Non produce rumori. Non occupa spazio. E fa bene alla salute. Sono i principali vantaggi della "mobilità lenta", ossia della "mobilità sostenibile". Che non è un'invenzione ultramoderna. E' semplicemente un concetto nuovo con il quale si vuol valorizzare una pratica antica (spostamenti a piedi) assieme all'impiego della bicicletta.

Gli studi lo dimostrano in maniera inequivocabile. L'inquinamento atmosferico è dovuto in buona parte al traffico motorizzato, soprattutto nei centri urbani. Cio' si ripercuote non solo sulla salute delle persone, ma sulla qualità di vita in generale. Ma il traffico motorizzato causa anche rumori, quindi il cosiddetto "inquinamento fonico". Occupa spazio e provoca situazioni di stress ("Dove posteggio la macchina?"). E' accompagnato da incidenti piu' o meno gravi. In altre parole, produce dei costi supplementari - i cosiddetti "costi esterni" - che sono per lo piu' a carico della collettività. Possiamo farne a meno? Secondo un ampio sondaggio realizzato un paio di anni fa dalla Confederazione ("La mobilité en Suisse 2000", Ufficio federale di statistica ed Ufficio federale dello sviluppo territoriale, 2001), in Svizzera circa un terzo degli spostamenti non supera i 3 km, il 70% delle distanze percorse si situa al di sotto dei 10 km. Su otto viaggi in macchina, almeno uno si conclude entro il raggio di 1 chilometro. Conclusione? Una buona parte dell'inquinamento atmosferico e fonico potrebbe essere letteralmente eliminata promuovendo maggiormente gli spostamenti a piedi ed in bicicletta, i piu' adatti per le distanze brevi. Puntando quindi sulla mobilità lenta e sostenibile.

Nenad Stojanovic

Inviato da : Abitat,  29 Lug 2004  -  1434 Letture

Stampa la notizia: La riscoperta della mobilità lenta
 L'Alleanza
Abitat fa parte della Alleanza Territorio e Biodiversità


 Documentazione
Consulta la documentazione di Abitat, con le relazioni presentate alle nostre conferenze, il materiale del progetto PAS sugli Acquisti Pubblici Sostenibili e molto altro ancora.


 I Filmati

ABITAT vi propone una sezione dedicata ai filmati.
Vi troverete una lista di video su temi attinenti allo sviluppo sostenibile.


 Cerca

Web Design by PointNet